I miei primi 5 mesi in Argentina tra mondiali di calcio, viaggi incredibili, tanti amici ed una famiglia ospitante straordinaria

La mia avventura è iniziata lo scorso 17 ottobre 2022 quando sono partito per l’Argentina dall'aeroporto di Fiumicino, ho fatto uno scalo a Madrid e ho preso un volo, che dopo una piccola sosta a Asunción, in Paraguay, è arrivato a Córdoba.

 Ho viaggiato da solo, però per tutto il viaggio sono stati in contatto con me i miei referenti in Italia e in Argentina, e sono riuscito ad arrivare senza nessun problema. Una volta arrivato in Argentina sono stato accolto dall'agenzia partner argentina, che mi hanno fatto un'introduzione sul programma, e subito dopo ho incontrato la mia famiglia ospitante. Inizialmente ero un po' preoccupato pensando che quella sarebbe stata la mia vita per i prossimi 9 mesi, e avevo paura che potesse andare male, però già dopo il primo giorno mi sono sentito accolto e tutte le mie preoccupazioni sono sparite.

La mia famiglia ospitante è composta da papà e mamma ospitante, una sorella più grande sposata con un bebè, un fratello più grande e un fratello della mia età. È una famiglia buona e accogliente, ma soprattutto molto unita, infatti è molto comune incontrarsi per mangiare insieme con i parenti che vivono vicino.

La mia scuola è una scuola cattolica semi-privata. Ci sono vari corsi che si possono scegliere, io ho scelto il curriculum scienze sociali, che assomiglia un po' alle scienze umane delle scuole in Italia. Le materie che studio sono varie, da economia, a psicologia, da chimica, a filosofia e persino teatro. Con i professori c'è un rapporto meno formale, infatti è normale chiamarli per nome e a volte si organizzano dei pranzi o delle cene insieme.

A scuola sono stato accolto molto bene, da subito i miei compagni di classe mi hanno incluso nel gruppo e anche i professori fin da subito mi hanno aiutato con i problemi che avevo con la lingua e per ambientarmi nel nuovo ambiente scolastico.

La città dove vivo si trova in mezzo alla pianura argentina, precisamente nella provinciale di Córdoba. È una cittadina tranquilla e sicura, con tutti i servizi di cui uno ha bisogno. La tradizione che più la caratterizza è il "día de la tradición" (giorno della tradizione), un evento che ha luogo ogni novembre, in cui si organizza una sfilata di Gaucho a cavallo famosa in tutta la provincia e il Paese.

Le principali attività extrascolastiche che faccio sono palestra e basket. Mi sono anche iscritto al gruppo locale degli Scout. Inoltre, capita spessissimo che la scuola organizzi delle attività differenti dalla classica ora di lezione e sono molto interessanti.

Ho avuto una fortuna incredibile a venire quest'anno in Argentina, perché è stato l'anno dei mondiali e soprattutto l'anno in cui, dopo 36 anni, gli argentini hanno di nuovo alzato la coppa del mondo! A me la squadra argentina è sempre piaciuta per i giocatori, e dato che quest'anno l'Italia purtroppo non era presente ai mondiali ho potuto tifare senza problemi e festeggiare con loro nel momento in cui hanno vinto.

Ho fatto diversi viaggi da quando sono arrivato!

Con la mia famiglia ospitante siamo andati alcuni giorni in vacanza nella "Sierra de Córdoba", una catena montuosa vicino alla città di Córdoba. Poi con il mio fratello ospitante siamo andati a visitare Buenos Aires, una città incredibile con moltissime cose belle da vedere, come per esempio l'obelisco nel viale più largo del mondo e gli stadi di Boca Juniors e River Plate.

Infine, sono andato a Rosario una città molto bella e ho avuto l'opportunità di vedere dal vivo la coppa del mondo e il campo da calcio dove giocava Messi da piccolo prima di trasferirsi a Barcellona.

Personalmente non ho avuto troppe difficoltà con la lingua spagnola dato che l'avevo studiata alle medie, anche se quando sono arrivato non mi ricordavo quasi niente. In ogni caso la lingua spagnola è abbastanza simile all'italiano e nel giro di 2/3 mesi tutti già mi facevano i complimenti per come parlavo. I miei consigli per impararlo velocemente (come per qualsiasi altra lingua del mondo) è cercare di parlarlo il più possibile evitando l'inglese, senza vergogna e senza paura di sbagliare, dato che la gente con cui parli sa che sei straniero. Ci si può anche aiutare vedendo film e serie in lingua originale, come ho fatto io con i miei fratelli ospitanti.

La cucina Argentina è molto basica e vi mancheranno sicuramente molte cose della cucina italiana mentre sarete qua (come in realtà vi succederebbe in quasi tutti i Paesi del mondo). In ogni caso ci sono molti piatti tipici molto buoni come per esempio le Empanadas, l'Asado e il Dulce de Leche. Però sicuramente la parte migliore della cucina argentina è la carne: hanno delle carni e dei metodi di cottura particolari che mi hanno permesso di provare piatti di carne buonissimi, con un sapore che non ho mai provato in Italia.

L'organizzazione locale organizza 2 viaggi con gli Exchange Student, il primo al Sud dell'Argentina e il secondo al Nord. Io purtroppo non ho potuto partecipare al viaggio al sud però andrò a quello al nord.

Il viaggio al sud vi permetterà di vedere tutta la zona della Patagonia e la Terra del Fuoco, con i ghiacciai, i paesaggi e gli animali come pinguini e balene.

Il viaggio al Nord invece vi farà fare un giro molto grande di tutta la parte Nord dell'Argentina: potrete ammirare le cascate del Iguazú, i paesaggi incredibili di Salta e Jujuy, la zona della cordigliera delle Ande e la bellezza di Buenos Aires.

Io non vedo l'ora di fare questo viaggio, perché mi permetterà di vedere cose meravigliose e di viaggiare con ragazzi di tutto il mondo.

Condividi su

Anno all’Estero

Ancora disponibili gli ultimi posti per partenze ad
Agosto / Settembre 2024.

Scegli la tua destinazione!