Consigli per una buona convivenza

Piccole regole per sopravvivere

Molto spesso nei programmi di scambi culturali è necessario condividere la stanza o la casa con persone nuove, provenienti da diverse parti del mondo. La convivenza non è sempre semplice, soprattutto a chilometri di distanza da casa, ma con alcune piccole regole, quello che prima di partire viene considerato un ostacolo diventa poi un’incredibile opportunità di crescita e di creazione di legami forti.

Sogni di studiare all’estero ma la paura di vivere insieme a qualcuno che non conosci ti spaventa? Stai per partire per il programma Summer Work Travel negli Stati Uniti e ti preoccupa l’idea di condividere la camera con altre persone?

Ecco alcuni consigli su come “sopravvivere” alla convivenza 😉

Al primo posto c’è sicuramente la pulizia. La convivenza è un gioco di squadra e la soluzione più efficace è dividersi le faccende domestiche in turni settimanali affinché ognuno contribuisca a tenere la casa o la camera sempre in ordine. Questo significa, per esempio, lavare subito i piatti una volta finito di mangiare, non è bello e igienico vedere una ‘torre’ di piatti sporchi sul lavandino, o tenere sempre in ordine e puliti i propri vestiti.

Un altro importante elemento per una serena convivenza è una buona comunicazione. Soprattutto quando si condivide la casa con tante persone è essenziale comprendere le esigenze di tutti e cercare di trovare sempre un compromesso tra i diversi ritmi e stili di vita. Se c’è qualcosa che non va, occorre cercare di trovare una soluzione pacifica per evitare litigi o incomprensioni. Il rispetto reciproco renderà la convivenza molto più semplice e porterà ad aiutarsi l’un l’altro quando ce ne sarà bisogno.

Altro aspetto importante è definire i propri spazi nelle aree comuni, come cucina e bagno. Dividersi i ripiani della cucina o gli scaffali del bagno aiuterà a lasciare tutto in ordine e a rispettare gli spazi dei propri coinquilini.

Attuando queste semplici regole, il clima in casa sarà tranquillo e amichevole e vi permetterà anche di conoscervi meglio e magari far nascere un’amicizia che vi porterà a condividere esperienze fuori e dentro casa. Sono i piccoli gesti quotidiani e l’essere sempre gentili che vi aiuterà creare legami che dureranno poi nel tempo, anche alla fine dell’esperienza all’estero.

Ricordatevi che per quanto potrà essere a volte stressante e complicato condividere la sistemazione con altre persone, sarà sicuramente un’esperienza di crescita indimenticabile.

Condividi su

Anno all’Estero

Ancora disponibili gli ultimi posti per partenze ad
Agosto / Settembre 2024.

Scegli la tua destinazione!